Stampa
Visite: 1041

Berna, 10 Settembre 2015 - L'Associazione " Svizzera per un territorio senza grandi predatori “ è stata fondata oggi a Berna. Con l'istituzione di un’associazione a livello nazionali, i membri fondatori vogliono dimostrare che la problematica dei grandi predatori non riguarda solo alcune aree isolate e di montagna, ma tutta la Svizzera

La nuova Associazione nazionale vuole difendere gli interessi del settore agricolo, degli allevatori e di altri settori per una Svizzera senza grandi predatori su tutto il territorio nazionale. Quali co-presidenti della nuova organizzazione sono stati eletti i due deputati al Gran Consiglio de rispettivi Cantoni: Georges Schnydrig (VS) e Germano Mattei (TI).

Logo CH ohne Grossraubtiere

La nuova Associazione vuole rappresentare le preoccupazioni dell'agricoltura, degli allevatori, dei cacciatori, del turismo e di altri settori economici per segnalare la presenza e i danni causati dai grandi predatori (lupi, orsi, linci e sciacallo dorato). Questi grandi predatori si stanno diffondendo sempre di più in Svizzera. Si tratta quindi non solo di un problema locale, in questo periodo riguarda l'intero territorio nazionale. La nuova organizzazione vuole da un lato aumentare la pressione a livello politico per trovare finalmente alla problematica soluzioni nazionali e condivise. I Cantoni devono essere in grado di regolare autonomamente la questione dei grandi predatori. D'altra parte, l'Associazione vuole informare il pubblico dei problemi causati dai grandi predatori.

Un Associazione che ha una larga base.

I membri della nuova organizzazione nazionale provengono da varie associazioni cantonali e regionali, costituitesi nei cantoni di Friburgo, Grigioni, San Gallo (con Glarona e i due Appenzelli), Ticino, Vaud e Vallese. Negli altri Cantoni sono in corso diverse iniziative per creare altre Associazioni cantonali per la protezione del territorio contro i grandi predatori. Queste Associazioni cantonali rimangono indipendenti della nuova organizzazione nazionale e perseguono obiettivi similari nei loro rispettivi territori. La problematica sta suscitando grande l’interesse nelle regioni interessate, ben lo dimostra il Canton Vallese dove in poche settimane più di 1.500 persone si sono dichiarate pronte per aderire all'associazione cantonale.

Eletti Georges Schnydrig e Germano Mattei come copresidenti.

Con il deputato al Gran Consiglio vallesano Georges Schnydrig e il deputato al Gran Consiglio ticinese Germano Mattei, l’associazione ha a disposizione due personalità molto profilate per esercitare il mandato della co-presidenza. 

Georges Schnydrig presiede inoltre l'associazione regionale vallesana per un territorio senza grandi predatori ed è impegnato da tempo nella problematica. Germano Mattei è co-fondatore dell'Associazione ticinese per un Territorio senza grandi predatori e con il suo Movimento politico di MontagnaViva difende in modo particolare gli interessi delle regioni di montagna nel Cantone Ticino. I due copresidenti hanno dichiarato nella conferenza stampa odierna che la affrontare la problematica dei grandi predatori è urgente e che vi è grande preoccupazione e apprensione nel settore degli allevatori e dell’agricoltura. I Cantoni devono avere la possibilità di regolamentare indipendentemente il numero dei grandi predatori. Il lupo da qualche tempo non è più una specie minacciata. Inoltre, ci sono dei seri dubbi sul fatto che in Svizzera vi siano lupi di pura razza, si ritiene che possano essere degli incroci (ibridi), belve che non sono meritevoli di tutela. Questa questione deve essere esaminata rigorosamente in modo neutrale e la tematica approfondita da un ente indipendente. I danni causati dal lupo per l’agricoltura, l’allevamento, la caccia e il turismo, non sono più sostenibili. 

Oltre ai due copresidenti sono stati eletti nel Consiglio direttivo le seguenti persone: Georges Junginger (SG), Hermann Plump (GR), Roger Schuwey (FR) e le Jean-François Würsten (VD).

Attuare le decisioni parlamentari.

L'Associazione è stata fondata perché è l’espressione di una situazione inaccettabile nell’attuale gestione dei grandi predatori. I servizi preposti sono chiamati con urgenza ad attuare le decisioni adottate dal Parlamento. Con la consegna della mozione Fournier nel 2010 il Parlamento ha già deciso come procedere nei confronti della presenza del lupo. Questo testo propone delle riserve rispetto allo stato di protezione cui beneficia il lupo nell’ambito del Convenzione di Berna. Se l’attuazione di queste riserve non è possibile, la Svizzera deve uscire della Convenzione di Berna e rinegoziare lo statuto di protezione del lupo nel caso di una riadesione, strada imboccata in precedenza da altri undici paesi europei. Dal punto di vista della nuova organizzazione è incomprensibile che il Consiglio Federale non abbia ancora attuato la decisione del parlamento.

Le ricadute della problematica concernono l’agricoltura e il turismo.

Diversi membri del Consiglio direttivo hanno dimostrato con immagini e racconti impressionanti che i grandi predatori causano enormi danni all'agricoltura. La situazione è talmente precaria che in alcune regioni vi sono allevatori che hanno rinunciato a caricare degli alpeggi. Nella zona di Weisstannental (SG) diverse alpeggi non sono più caricati dell'anno passato. Nell’alto Vallese (regione di Augstboden e Turtmanntal) lo scarico degli alpeggi è stato anticipato per evitare ulteriori danni. In generale le misure di protezione dei greggi come la pastorizia, i cani di protezione e le recinzioni elettriche hanno fallito e i lupi hanno compiuto nuove razzie. Questo non solo ha conseguenze per gli agricoltori e gli allevatori colpiti. Molti di questi professionisti pensano di abbandonare il loro lavoro a causa di queste situazioni. Anche per il turismo questo sviluppo della problematica dell’invasione dei grandi predatori ha delle conseguenze. Gli alpi colpiti e abbandonati sono destinati all’inselvatichimento e di essere ricoperti da cespugli, in generale si assisterà al deterioramento del paesaggio e all’aumento della probabilità di eventi naturali, come smottamenti, frane, ecc. L’impiego di cani di protezione, coincide con il rischio di conflitti con escursionisti e ciclisti e possono entrare in conflitto con le greggi stesse. Il lupo sta perdendo sempre più la sua timidezza e senza paura nelle zone urbane. Nell’inverno 2014 sono stati attaccati cavalli nel fondovalle della Valle di Turtmann. Nei Grigioni i lupi cacciano i cervi e i caprioli attraverso i villaggi stessi!

La situazione in Europa.

La Svizzera non è l'unico paese confrontato con il conflitto con i grandi predatori. Si stima che in Europa ci siano circa 20’000 lupi. Questo numero elevato dimostra che il lupo non è più a rischio di estinzione e che lo stato di protezione può essere abbassato. I lupi causano danni enormi nei paesi interessati. In Francia l’anno scorso sono state uccise dai lupi 8'200 pecore. Perfino la ministra dell'Ambiente socialista Ségolène Royal ha deciso di chiedere la revisione della Convenzione di Berna e di allentare i criteri di abbattimento per i lupi. La politica francese ha chiesto di portare lo stato di protezione del lupo da “specie strettamente protetta” a semplicemente “protetto”. Ultimamente sono in aumento i casi di attacchi contro persone. Così è stato anche questa primavera in Russia: una donna è stata uccisa dei lupi; in Siberia, una donna di 55 anni è stata gravemente ferita da un attacco di un orso. Similmente in Italia nel Trentino. In Germania, un’amazzone è stata inseguita da un branco di lupi nel mese di aprile. Tutto questo non si è ancora verificato in Svizzera. Rimane ancora un po’ di tempo per agire e prepararsi prima che anche nel nostro paese avvengano degli attacchi contro le persone.

Passi successivi.

Nell’immediato futuro l'Associazione, in collaborazione e coinvolgimento con altri Enti interessati, vuole far conoscere all’opinione pubblica le nostre rivendicazioni e di informarla sulle problematiche che vogliamo promuovere a protezione delle cerchie interessate a questo dilagante fenomeno di libera diffusione dei grandi predatori.

Informazioni di contatto:

 

Lascia un tuo commento

Post comment as a guest

0
  • Nessun commento trovato