Trento, 18 luglio 2014 - Gli 'orsi dannosi' in Trentino potranno essere muniti di radiocollare, ma anche catturati o abbattuti, se non saranno efficaci le misure di prevenzione

Oltre alla categoria orso problematico e orso pericoloso ora si vuole introdurre anche la categoria orso dannoso. Queste sono le capriole mentali degli esperti a tavolino che, dopo aver creato un problema, chiamano altri esperti per risolvere il problema.

Per intanto la categoria 'orso dannoso' viene introdotta da una delibera della Giunta della Provincia autonoma di Trento ed entra così a fare parte del Piano d'azione interregionale per la gestione dell'orso bruno nelle Alpi centro-orientali, dopo una serie di confronti effettuati col ministero dell'Ambiente, da cui è atteso ora il vaglio ufficiale.

orso bruno

Noi riteniamo che gli orsi sono orsi e quando arrivano a contatto con la civiltà si comportano da tali. Ma intanto questa assurdità, spreco di risorse e generazione di malcontento generale, che per finire produce il contrario di quanto volevano i romantici sognatori, va avanti, fino a quando la maggioranza degli abitanti delle montagne si ribellerà energicamente.

Noi dell'Associazione per un Territorio senza Grandi Predatori proponiamo di introdurre anche quattro categorie di esperti degli orsi:

  1. esperti normali che creano il problema
  2. esperti problematici che cercano soluzioni al problema
  3. esperti dannosi che impongono le soluzioni trovate
  4. esperti pericolosi che affermano che con queste soluzioni l'orso non è pericoloso

 

 

Tirano, 24.07.2014 - Il quotidiano online www.intornotirano.it ha pubblicato un sondaggio sulla presenza di M25 in valle

In Valtellina, vista la sporadica presenza del plantigrado M25, la discussione non è ancora arrivata a livelli politici, ma la preoccupazione e il malcontento della popolazione sono palpabili, come denunciano spesso i lettori attraverso i commenti sul giornale e sui social network; e come ribadisce anche il sondaggio attivo ora sul sito dove quasi l’80% dei votanti non è favorevole alla presenza dell’orso nei nostri boschi.

Ecco i risultati:

Sondaggio orso in Valtellina

 

 

Glis, Vallese - 21.07.2014 Questa foto rappresenta la quotidianità di quanto avviene dopo l'introduzione dei grandi predatori

Adesso gli esperti si metteranno al lavoro per stabilire se è stato un lupo, un orso oppure un cane da protezione. Poi ci saranno i burocrati che faranno riempire diversi formulari al pastore. Infine arriveranno gli ambientalisti (WWF, Pro Natura, ecc) a dire che il pastore non ha protetto efficacemente i suoi animali.

Mucca disperata

Quando finirà questa tragica e assurda commedia voluta da esperti di Bruxelles?

Quando gli abitanti della montagna riusciranno a ribellarsi a questa assurdità sostenuta dagli ambientalisti che dell'introduzione dell'orso e del lupo sulle montagne ne fanno un business con il sostegno deli cittadini ignari delle città?

fonte: http://schwarzhalsziege.ch/

Recent comments

  • Ospite (miki)

    in Altopiano di Asiago sta succedendo la stessa cosacon l'orso il famigetato M4 dichiarato dal Trentino dannoso, il quale ha ucciso dall'anno scorso36 bovini,la consistenza media di una stalla della mia zona a questo punto mi chiedo Sidi istruzione vogliono salvaguardare le aziende agricole oppure l...
    Like 0
  • Ospite (Conni73)

    É STATO UN LUPO SONO SICURA AL 100%!!!!!!
    Like 0
  • Ospite (Conni73)

    I nostri antenati hanno ucciso tutti i grandi predatori perché ritenuti pericolosi!!!!! Non ci resta che eseguire le loro sagge orme!!!!! WWF e Company non comprendono la realtá odierna!!!!!
    Like 0
View other comments

Secondo le indagini dell’Associazione per un Territorio senza Grandi Predatori (atsenzagp) è stato rilevato che la raccolta di firme da parte del WWF per la petizione a favore di M25 non si è svolta secondo le disposizioni di legge vigenti

L’Associazione ha perciò richiesto al Governo dei Grigioni una presa di posizione in merito alla validità della petizione. Il Governo nella sua presa di posizione ha comunicato in modo inequivocabile che fino al 23 giugno scorso il testo della petizione e le firme non erano state inoltrate.

WWF

Per correre ai ripari il signor Fredi Lüthin, addetto stampa del WWF, fa sapere tramite i media che le firme sono state inoltrate il giorno dopo, cioè il 24 giugno. Ciò non conferma però ancora che le firme e la petizione siano valide. Da un’associazione che della protezione della natura ha fatto un business ci si aspetterebbe più serietà e rispetto per i diritti fondamentali dei cittadini, quali il diritto di petizione.

La nostra Associazione chiede semplicemente al WWF di fare chiarezza su questa vicenda che sembra solo una mossa pubblicitaria a favore di un orso con il radio-collare in grado di attirare l’attenzione su di sé e quindi sul WWF. M25 è una bestia feroce che si aggira fra i villaggi delle montagne, causando nei loro abitanti ansie e paure, limitandoli nella loro libertà. Questo orso deve essere sorvegliato giorno e notte con spreco di enormi risorse finanziarie a scapito di attività pubbliche socialmente utili e non dannose.

L'Associazione per un Territorio senza Grandi Predatori ritiene che rintrodurre e proteggere a tutti i costi animali predatori vicino alle zone antropizzate è errato, senza senso e assurdo. È un modo per ingannare le coscienze collettive cittadine con un argomento di discussione che ha le apparenze di protezione dell’ambiente e di ritorno romantico ad una vita secondo natura.

Delle 22'509 firme raccolte, chiediamo al WWF, quante sono di abitanti dei villaggi che hanno avuto la sfortuna di avere nelle loro vicinanze questa bestia feroce? Quante firme sono invece di abitanti delle città che hanno firmato perché l’orso è un simpatico animale lontano centinaia di chilometri?

Da una organizzazione responsabile aspettiamo una risposta altrettanto affidabile e precisa e non slogan accattivanti su come è bello avere un orso per amico.

Cordiali saluti

ATsenzaGP
Fermoposta
7742 Poschiavo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Recent comments

  • Ospite (Conni73)

    WWF ha pure menzionato recentemente in un'intervista che l'uomo non ha il diritto di decidere dove i grandi predatori debbano vivere...iniziamo a collocarne qualche esemplare nel Malcantone (Ticino) per far piacere alla signora Schönenberger la grande esperta di orsi del WWF!!!
    Like 0
  • Ospite (Conni73)

    E VI ASPETTATE ANCORA UNA RISPOSTA DA PARTE DI WWF???? LORO SONO SOLO CAPACI DI FARE I GRADASSI DAVANTI AI MEDIA E BASTA!!!!! TUTTA PROPAGANDA LA LORO, CHE SONO INAFFIDABILI É GIÁ RISAPUTO DA TEMPO....E VIVONO ALLE SPALLE DEI DONATORI ACCECCATI DAL LORO MARKETING!!!!
    Like 0
View other comments

Grosio, 09.07.2014 - Nove pecore uccise e altrettante disperse: questo il risultato dell’ultima cacciagione del lupo (o dei lupi) nei giorni scorsi sui monti di Grosio, e precisamente in località Varadega (2.400 metri di quota)

A questa predazione va aggiunta quella di una decina di giorni fa, nei boschi tra Trivigno e Aprica, e nei quali il lupo aveva già ucciso una dozzina di capi. Alla sua presenza va aggiunta, come sappiamo quella dell’orso M25, in questi giorni localizzato sulla strada di Guspessa, vicino a Trivigno.

 lupo

Il Comandante della Polizia Provinciale di Sondrio, sulle pagine de La Provincia di Sondrio rassicura: “La situazione non è allarmante, certamente non eravamo abituati alla presenza di due grandi predatori come l’orso e il lupo, ma io andrei per funghi in quella zona senza paura”.

Come più volte ricordato, gli allevatori che subiscono danni da parte dei grandi predatori vengono risarciti dagli uffici competenti della Provincia di Sondrio. Il timore e la preoccupazione di alcune persone verso questi animali, però, è un po’ meno controllabile.

fonte www.intornotirano.it

Commento di giona1951 9 luglio 2014 alle 7:04

Tranquilla gente, l’uomo del monte ha detto che lupi e orsi sono innocui, ci si può tranquillamente coricare vicini a loro e farsi coccolare, male che vada dovessero uccidervi i familiari saranno risarciti dagli Uffici competenti della Provincia con buona pace di tutti…….

Ardentemente spero succeda mai nulla di grave e irreparabile, le pecore si possono anche risarcire le persone forse un pò meno. Se poi il sig. Comandante vuole andare tranquillamente a funghi faccia pure, lo faccio pure io, ci penso però due volte prima di mandarci i miei figli. 

Recent comments

  • Ospite (Conni73)

    Ahia!!!! Se iniziano a moltiplicarsi (razzare) in Italia presto avrete un invasione oltre frontiera...altro che i lupi della Val Calanda...svegliatevi!!!
    Like 0
View other comments
Visite agli articoli
872337

Abbiamo 117 visitatori e nessun utente online