Grosio, 09.07.2014 - Nove pecore uccise e altrettante disperse: questo il risultato dell’ultima cacciagione del lupo (o dei lupi) nei giorni scorsi sui monti di Grosio, e precisamente in località Varadega (2.400 metri di quota)

A questa predazione va aggiunta quella di una decina di giorni fa, nei boschi tra Trivigno e Aprica, e nei quali il lupo aveva già ucciso una dozzina di capi. Alla sua presenza va aggiunta, come sappiamo quella dell’orso M25, in questi giorni localizzato sulla strada di Guspessa, vicino a Trivigno.

 lupo

Il Comandante della Polizia Provinciale di Sondrio, sulle pagine de La Provincia di Sondrio rassicura: “La situazione non è allarmante, certamente non eravamo abituati alla presenza di due grandi predatori come l’orso e il lupo, ma io andrei per funghi in quella zona senza paura”.

Come più volte ricordato, gli allevatori che subiscono danni da parte dei grandi predatori vengono risarciti dagli uffici competenti della Provincia di Sondrio. Il timore e la preoccupazione di alcune persone verso questi animali, però, è un po’ meno controllabile.

fonte www.intornotirano.it

Commento di giona1951 9 luglio 2014 alle 7:04

Tranquilla gente, l’uomo del monte ha detto che lupi e orsi sono innocui, ci si può tranquillamente coricare vicini a loro e farsi coccolare, male che vada dovessero uccidervi i familiari saranno risarciti dagli Uffici competenti della Provincia con buona pace di tutti…….

Ardentemente spero succeda mai nulla di grave e irreparabile, le pecore si possono anche risarcire le persone forse un pò meno. Se poi il sig. Comandante vuole andare tranquillamente a funghi faccia pure, lo faccio pure io, ci penso però due volte prima di mandarci i miei figli. 

Visite agli articoli
1540906

Abbiamo 39 visitatori e nessun utente online